4 0
array(4) { [0]=> array(4) { ["id"]=> string(2) "24" ["nome"]=> string(32) "tappeti caucasici antichi: kazak" ["descrizione"]=> string(1829) "

Caucaso occidentale
I tappeti caucasici antichi hanno generalmente il vello alto e luminoso ed il disegno geometrico grande essenziale e rigoroso.

In Caucaso occidentale i Kazak: Lori-Pampak, Sewan, Fachralo, Karaciof, Bordjalou, Shulaver, Lambalo, Shikli. Inoltre, vi sono Kazak noti per il particolare disegno: Kazak a Stelle, Kazak a svastiche, Kazak a preghiera, Kazak a poligoni, Kazak a poligoni uncinati, Kazak ad alberi, Kazak a riquadri. I tappeti caucasici antichi dell'area più occidentale del Caucaso che prendono i nomi sopracitati, vengono chiamati Kazak (dalla omonima cittadina di Kazakh) anche se annodati nei villaggi; quindi, per completezza Kazak Fachralo, Kazak Karaciof, Kazak Bordjalo ecc ecc. Hanno disegno geometrico grande, grandi medaglioni con motivi ad aquile o cruciformi, il vello è generalmente alto e le lane seriche e luminose. L'annodatura, rigorosamente simmetrica e non sempre finissima, è su trama ed ordito in lana. Le cornici dei tappeti caucasici antichi Kazak sono generalmente molto larghe, solitamente in numero di tre ma possono essere anche solamente una o due. Apprezzatissimi dai collezionisti specialmente quando si trovano in perfetto stato di conservazione, sono spesso molto restaurati o addirittura riannodati quasi totalmente con lane d'epoca. La ragione del profondo amore che gli appassionati di tappeti caucasici antichi Kazak nutrono, risiede nell'autenticità e nella spontaneità dei disegni, semplici ma elegantissimi, annodati secondo tradizione da queste popolazioni seminomadi con telaio orizzontale. Sono antichi i tappeti caucasici annodati tra la fine del XIX secolo ed il 1920, le lane, filate a mano, sono colorate con sostanze vegetali.

" ["url"]=> string(31) "tappeti-caucasici-antichi-kazak" } [1]=> array(4) { ["id"]=> string(2) "25" ["nome"]=> string(35) "tappeti caucasici antichi: karabagh" ["descrizione"]=> string(1145) "

Caucaso meridionale
Annodati tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo i Karabagh hanno risentito più di ogni altro tappeto caucasico dell’influenza occidentale.

Karabagh a motivo Ciondoresk o Celaberd, Kasim Ushag e Goradis.

Inoltre: Karabagh a gol e gol con animali, Karabagh a preghiera, Karabagh a boteh, Karabagh ad herati e Karabagh a disegni modulari, Karabagh ad uccelli, Sciuscia ed altri tappeti dal disegno di ispirazione occidentale. Durante la dominazione persiana del Caucaso, sotto il regno dello Scià Abbas il Grande in questa zona si narra che vi fosse insediata una manifattura di corte, ciò presuppone l'esistenza di laboratori altamente specializzati nella tintura delle lane e che questa maestria si sia tramandata fino alla fine del secolo XIX. Nei tappeti caucasici antichi Karabagh che noi prendiamo in considerazione (1890/1918) dei motivi del cinque-seicento non ne rimane quasi mai traccia, notevole invece l'influenza della presenza dei francesi nel Settecento. Il motivo della rosa francese (gul faranghe) lo possiamo trovare frequentemente.


" ["url"]=> string(34) "tappeti-caucasici-antichi-karabagh" } [2]=> array(4) { ["id"]=> string(2) "26" ["nome"]=> string(35) "tappeti caucasici antichi : shirvan" ["descrizione"]=> string(1611) "

Caucaso centro orientale
I tappeti di quest’area vengono spesso riuniti sotto il nome di Shirvan, famosi per la finezza dell’annodatura Ghiordes e per il vello rasato a pochi millimetri dal nodo, hanno iconografie strettamente legate al villaggio o città di annodatura. Tappeti Ghendjeh, Talish, Lenkoran, Mogan, Ciajli, Akstafa, Shirwan, Marasali, Bidjof, Surahani, Tachte, Kila, Baku, Kuba, Karagashli, Konakhend, Ci Ci, Prepedil, Seikhur, Zejwa, Daghestan, Derbend, Lesghi. Ognuno di questi villaggi meriterebbe un libro intero dedicato alla manifattura finissima che ha sviluppato. tra i tappeti caucasici antichi Shirvan annodati su telaio orizzontale, comprendiamo l'area a sud della catena montuosa del grande Caucaso, il Daghestan e l'area di Baku. I disegni possono essere divisi in tre gruppi: il primo comprende disegni a medaglioni composti, spesso a disegno modulare infinito, mentre il campo del tappeto è costellato di minuti disegni di origine vegetale o piccoli elementi zoomorfi. Nel secondo gruppo i piccoli disegni floreali stilizzati sono di origine persiana, Boteh e Mina Khani sono disposti spesso in modo diagonale. Il terzo gruppo con impianto a preghiera di chiara derivazione anatolica presenta la classica Mhirab pentagonale a punta o rettangolare. I tappeti caucasici antichi Shirvan hanno l'ordito in lana naturale bianca e marrone, a volte solamente bianca a volte con due o tre fili avvolti; la trama bianca o tortora viene solitamente passata due vote tra le fila di nodi.


" ["url"]=> string(33) "tappeti-caucasici-antichi-shirvan" } [3]=> array(4) { ["id"]=> string(2) "27" ["nome"]=> string(32) "tappeti caucasici vecchi e nuovi" ["descrizione"]=> string(1493) "

Manifatture di tappeti caucasici finemente annodati con lane filate a mano che posseggono la bellezza ed il rigore degli antichi motivi geometrici.

Tappeti azeri, Daghestan, Shirvan nuovi, Derbend. I tappeti caucasici nuovi riprendono gli antichi disegni, spesso con motivi tipici di Prepedil o con disegni di origine armena o presentano rigorosi motivi romboidali. I tappeti caucasici vecchi annodati da popolazioni curde tra il 1920 e il 1950 sono annodati con lane a volte tinte con sostanze vegetali, a volte con tinte al cromo. Difficile poter generalizzare o trovare caratteristiche comuni in quanto in questo gruppo di tappeti caucasici comprendiamo varie manifatture che si sono susseguite e rinnovate più volte nel secolo scorso; l'annodatura di tipo simmetrico ed i disegni geometrici le accomunano, ma possiamo trovare trame ed orditi in lana o anche in fine cotone ritorto, in alcuni casi la rasatura è bassa in altri il nodo grossolano e la rasatura alta. In alcuni casi le trame sono inserite lasche tra le fila di nodi in altri casi sono tese e gli orditi si dispongono completamente depressi. le proposte di tappeti caucasici vecchi e nuovi sono personalmente selezionate da Fabio Morandi con una speciale attenzione alla qualità ed alla originalità del tappeto unitamente alla immancabile forza espressiva fondamento della grande qualità decorativa.


" ["url"]=> string(32) "tappeti-caucasici-vecchi-e-nuovi" } }
KAZAK
Morandi Tappeti In stock
KAZAK
cod. 3187
cm 116 x 146

1.500

I tappeti caucasici sono annodati nella regione omonima che si trova tra il Mar Nero ed il Mar Caspio; attualmente comprende l'Azerbaidjan, la Georgia, l'Armenia, il Nagorno Karabagh, la Abcazia, l'Ossezia del sud, la Cecenia e l'Ingusezia.
I tappeti caucasici annodati in quest'area sono generalmente geometrici ed hanno il nodo Ghiordes detto nodo simmetrico. I più apprezzati dai collezionisti sono i tappeti antichi per la grande forza espressiva del disegno geometrico. Annodati su telaio orizzontale da popolazioni nomadi, quasi sempre hanno la trama e l'ordito in lana. I tappeti caucasici sono tra i più ricercati dai collezionisti affascinati dai disegni geometrici stilizzazioni di motivi zoomorfi e dai simboli totemici, mistici. Motivi ad aquile, uccelli mitici, pavoni, ornamenti ad esse o enigmatici Boteh, sono oggetto di studio e fonte di sempre nuove ed affascinanti scoperte.