6 0
array(3) { [0]=> array(4) { ["id"]=> string(2) "41" ["nome"]=> string(22) "kilim vecchi e antichi" ["descrizione"]=> string(1545) "

I più famosi kilim sono di origine anatolica, bellissimi anche i Palas caucasici ed i Gelim persiani. Aydin, Antalya, Konia, Balikesir, Sarkoy o Bessarabian, Usak, Adana, Malatya, Aksaray, sono villaggi e piccole città centri di raccolta e intreccio che danno il nome ai kilim stessi.
I materiali più frequentemente usati nella tessitura dei kilim vecchi e antichi sono la lana di pecora ed il pelo di capra e di cammello che erano abbondantemente a portata di mano in queste zone rurali.

Vediamo le fasi di lavorazione:
Dopo la tosatura dell'animale, le lane venivano cardate per prepararle alla filatura; nei Kilim antichi ricopriva un ruolo fondamentale nel processo di produzione, era un compito molto laborioso che richiedeva tempi lunghissimi e veniva svolto prevalentemente dalle donne. Si procedeva quindi alla sgrassatura ed alla mordenzatura per preparare i filati alla tintura. Quest'ultima veniva effettuata con sostanze vegetali, animali e minerali. I rossi erano ricavati dalle radici della robbia tintoria o dal cartamo (vegetale), dalla coccinella o dal kermes (animale). I Blu dall'indaco (minerale). Il giallo dalla buccia della cipolla, dal ramno, dallo zafferano (Vegetale).
Solo dopo un accurato lavaggio si procedeva alla vera e propria tessitura manuale con tecnica a stacchi. I disegni nei kilim antichi sono formati dai fili di trama avvolgono i fili di ordito alternativamente fino al cambio di colore.

" ["url"]=> string(22) "kilim-vecchi-e-antichi" } [1]=> array(4) { ["id"]=> string(2) "42" ["nome"]=> string(11) "kilim nuovi" ["descrizione"]=> string(1808) "

Intrecciati prevalentemente in Afganistan con nuovi colori vivaci o a pastello, riprendono tutti i motivi arcaici tramandati da secoli di generazione in generazione. I kilim nuovi sono una tessitura manuale piana realizzata con tecnica a stacchi; questa prevede che i fili di trama dello stesso colore passino sopra un ordito comune, lo avvolgano e tornino indietro lasciando una fessura che crea una separazione netta tra i blocchi di colore.

I diversi blocchi danno origine a disegni geometrici, a questi motivi le tessitrici danno aspetto ornamentale o di talismani simbolici. Ad esempio, i motivi dei kilim nuovi noti con il nome di Elibelinde, sono una figura antropomorfica di dea, simbolo di nascita, spesso rappresentata in forma facilmente riconoscibile, addirittura a volte rappresentata con il figlio in grembo.

I kilim nuovi con motivi Bukagi, passatoia per animali, Yin-yang (originari del lontano oriente), Su yolu acqua che corre, Muska amuleto contro il malocchio. Infinità di motivi combinati tra loro in modo fantasioso ed originale danno luogo a forme decorative e colori armonici che attraggono piacevolmente la nostra attenzione.

I kilim nuovi appagando il nostro piacere estetico contemporaneo ci tramandano una storia secolare di comunicazione grafica ed una simbologia densa di significati. Ecco altri motivi tipici che anche in queste nuove manifatture ci tramandano una cultura secolare.

Motivi ricorrenti nei Kilim nuovi: Cencel ad uncino, motivi a testa di uccello, a scorpione con motivo Akrep, motivi Yildiz, Agaci, Kus, Nazarlik, Kupe, Bukagi, sono inseriti tra le forme romboidali o a medaglione, in bordura o all'interno del campo del kilim.

" ["url"]=> string(11) "kilim-nuovi" } [2]=> array(4) { ["id"]=> string(2) "45" ["nome"]=> string(15) "arazzi e ricami" ["descrizione"]=> string(793) "

Arazzo è un tipo di speciale di tessitura piana, intreccio manuale dei fili dell'ordito con fili di trama; questi, variando il colore, coprono completamente i fili di ordito formano il disegno.
Pare che i primi a tessere questi straordinari manufatti fossero i Fiamminghi, anche se in effetti si tratta di una tecnica orientale antichissima. Preziosi gli arazzi francesi tessuti tra il 1700 e la fine del XIX secolo. Famose le antiche manifatture di Aubusson. Gli arazzi sono stati tessuti in tutto il nord Europa, in Inghilterra, nella Renania ed in Spagna, senza contare i numerosi esemplari portoghesi. Anche In Italia sono stati tessuti arazzi importanti, ne esiste addirittura uno con lo stemma dei Savoia.

" ["url"]=> string(15) "arazzi-e-ricami" } }
KILIM
Morandi Tappeti In stock
KILIM
cod. 8236
cm 160 x 230

250

KILIM
Morandi Tappeti In stock
KILIM
cod. 8241
cm 160 x 230

250

KILIM AFGAN
Morandi Tappeti In stock
KILIM AFGAN
cod. 9116
cm 153 x 206

250

KILIM AFGAN
Morandi Tappeti In stock
KILIM AFGAN
cod. 9117
cm 157 x 200

250

KILIM AFGAN
Morandi Tappeti In stock
KILIM AFGAN
cod. 9108
cm 152 x 201

250

KILIM AFGAN
Morandi Tappeti In stock
KILIM AFGAN
cod. 9118
cm 152 x 200

250

KILIM AFGAN
Morandi Tappeti In stock
KILIM AFGAN
cod. 9119
cm 154 x 196

250

KILIM AFGAN
Morandi Tappeti In stock
KILIM AFGAN
cod. 9132
cm 89 x 301

250

KILIM AFGAN
Morandi Tappeti In stock
KILIM AFGAN
cod. 8868
cm 151 x 173

250

KILIM AFGAN
Morandi Tappeti In stock
KILIM AFGAN
cod. 8381
cm 127 x 205

250

KILIM AFGAN
Morandi Tappeti In stock
KILIM AFGAN
cod. 9141
cm 88 x 294

250

KILIM AFGAN
Morandi Tappeti In stock
KILIM AFGAN
cod. 9134
cm 87 x 283

250

Il tappeti Kilim, in persiano گلیم gelim, è un tessuto piatto (senza vello) intrecciato a mano con tecnica a stacchi; appartiene alla stessa categoria degli arazzi, dei Cicim tessuti e cuciti e dei Sumak. Questi ultimi sono tappeti in quanto posseggono una trama mentre la funzione del vello viene svolta da un intreccio a catenella che include i fili di ordito. I tappeti kilim, intrecciati a partire dai paesi balcanici fino all'estremo oriente, per la struttura stessa del disegno sono generalmente geometrici e coloratissimi.

I tappeti kilim più conosciuti sono quelli anatolici, bellissimi i pezzi d'epoca per i quali riusciamo a distinguere ogni singolo villaggio nel quale venivano annodati: Obruk, Balikesir, Malatya; in Caucaso venivano intrecciati bellissimi come i Kuba, in Iran i Senneh; non ultimi i kilim curdi di Shassavan e gli Sharkoi tessuti in Tracia. Tra le produzioni moderne ricordiamo i kilim afghani caratterizzati da colori adatti agli ambienti contemporanei.