3
codice: 0402
tipologia: tappeti caucasici
collezione: Tappeti caucasici antichi: Kazak
provenienza: caucaso
dimensioni: 150 x 191 cm
colore: Blu    Nocciola   
caratteristiche: geometrico

€6.440 iva inclusa

€ 9.200 CYBER MONDAY
Ogni tappeto del nostro sito è un pezzo unico.
Il tappeto si trova nel punto vendita di Castelvetro
Prezzo eccezionale epoca e conservazione corretti. Il tappeto rompendo gli schemi classici si presenta con due bordure di pari importanza, una gioca componendo in continuità un motivo a stella ed uno detto "diapason" su fondo bianco, l'altra ci propone cambi di colore tra il verde acqua, l'azzurro chiaro ed il blu.
Approfondimenti »
categoria: tappeti caucasici
I tappeti caucasici sono annodati nella regione omonima che si trova tra il Mar Nero ed il Mar Caspio; attualmente comprende l'Azerbaidjan, la Georgia, l'Armenia, il Nagorno Karabagh, la Abcazia, l'Ossezia del sud, la Cecenia e l'Ingusezia. I tappeti caucasici annodati in quest'area sono generalmente geometrici ed hanno il nodo Ghiordes detto nodo simmetrico. I più apprezzati dai collezionisti sono i tappeti antichi per la grande forza espressiva del disegno geometrico. Annodati su telaio orizzontale da popolazioni nomadi, quasi sempre hanno la trama e l'ordito in lana. I tappeti caucasici sono tra i più ricercati dai collezionisti affascinati dai disegni geometrici stilizzazioni di motivi zoomorfi e dai simboli totemici, mistici. Motivi ad aquile, uccelli mitici, pavoni, ornamenti ad esse o enigmatici Boteh, sono oggetto di studio e fonte di sempre nuove ed affascinanti scoperte.

collezione: Tappeti caucasici antichi: Kazak
Caucaso occidentaleI tappeti caucasici antichi hanno generalmente il vello alto e luminoso ed il disegno geometrico grande essenziale e rigoroso. In Caucaso occidentale i Kazak: Lori-Pampak, Sewan, Fachralo, Karaciof, Bordjalou, Shulaver, Lambalo, Shikli. Inoltre, vi sono Kazak noti per il particolare disegno: Kazak a Stelle, Kazak a svastiche, Kazak a preghiera, Kazak a poligoni, Kazak a poligoni uncinati, Kazak ad alberi, Kazak a riquadri. I tappeti caucasici antichi dell'area più occidentale del Caucaso che prendono i nomi sopracitati, vengono chiamati Kazak (dalla omonima cittadina di Kazakh) anche se annodati nei villaggi; quindi, per completezza Kazak Fachralo, Kazak Karaciof, Kazak Bordjalo ecc ecc. Hanno disegno geometrico grande, grandi medaglioni con motivi ad aquile o cruciformi, il vello è generalmente alto e le lane seriche e luminose. L'annodatura, rigorosamente simmetrica e non sempre finissima, è su trama ed ordito in lana. Le cornici dei tappeti caucasici antichi Kazak sono generalmente molto larghe, solitamente in numero di tre ma possono essere anche solamente una o due. Apprezzatissimi dai collezionisti specialmente quando si trovano in perfetto stato di conservazione, sono spesso molto restaurati o addirittura riannodati quasi totalmente con lane d'epoca. La ragione del profondo amore che gli appassionati di tappeti caucasici antichi Kazak nutrono, risiede nell'autenticità e nella spontaneità dei disegni, semplici ma elegantissimi, annodati secondo tradizione da queste popolazioni seminomadi con telaio orizzontale. Sono antichi i tappeti caucasici annodati tra la fine del XIX secolo ed il 1920, le lane, filate a mano, sono colorate con sostanze vegetali.

Esempio di ambientazione

tappeti caucasici ambientati

COMMENTI al tappeto KAZAK

Scrivi il tuo commento »
la ringrazio della risposta, facendo il paragone con il precedente kazak si nota infatti un invenzione più fresca e genuina, mentre l'altra denota quasi la necessità di riempire lo spazio a tutti i costi
francesca - 04-01-2010 | 09:41:11
Sig.ra Francesca,
Il tappeto Kazak Caucasico del XIX secolo ha il vello luminosuissimo si trova in perfetto stato di conservazione è iconograficamente interessantissimo ed il fascino particolare risiede appunto nella semplicità dello schema decorativo.
Fabio Morandi - 03-01-2010 | 10:51:41
è un bel tappeto, ma non capisco il prezzo facendo il confronto con altri pezzi dal disegno più complesso
francesca - 02-01-2010 | 15:37:24