Per un corretto approccio ai tappeti provenienti dalle regioni caucasiche è meglio chiarire sempre se ci riferiamo a tappeti nuovi e vecchi oppure a tappeti antichi da collezione.

Il Caucaso si trova tra il Mar Nero e il Mar Caspio e comprende oggi gli stati dell’Azerbaigian, della Georgia e dell’Armenia, cosi come le regioni denominate Nagorno Karabakh, Abkhazia, Ossezia del Sud, Cecenia e Inguscezia. Queste zone sono ancora oggi politicamente instabili e insicure. La produzione di tappeti ci permette ancora oggi di lasciarci sorprendere dai colori vivaci e dalle geometrie rigorose, essenziali o anche modulari più complesse; la grande forze espressiva dei tappeti caucasici, ci ricorda il carattere fiero delle popolazioni nomadi locali, il loro grande amore per la libertà e la fedeltà per le tradizioni.

 

Caratteristiche dei Tappeti Caucasici antichi

I tappeti caucasici antichi, vera grande passione di collezionisti esperti e studiosi delle tradizioni  delle popolazioni caucasiche, si riconoscono dalla bellezza, dalla forza espressiva ed eleganza decorativa del rigoroso disegno geometrico; sono annodati su telaio orizzontale da popolazioni nomadi, seminomadi o transumanti, hanno annodatura Ghiordes, nodo simmetrico noto anche con l’appellativo di Turkibaf ( nodo turco), oltre al vello anche trama ed ordito sono di lana.

Il punto di forza delle manifatture caucasiche antiche è l’essenzialità dei disegni e dei motivi: il disegno è sviluppato più ampio nei tappeti provenienti dal Caucaso occidentale, più minuto in quelli del Caucaso orientale. Il rigore geometrico delle decorazioni è unico, spesso sono presenti anche animali stilizzati, simboli scaramantici e varie piccole decorazioni. Le forme geometriche più ricorrenti sono medaglioni, stelle, riquadri e ottagoni. I tappeti caucasici antichi ( manufatti prima del 1918) sono stati annodati totalmente con lane filate a mano. I colori di origine naturale, vegetale o animale, sono brillanti e vivaci. Grazie alla buona qualità della lana, ai nodi fini, serrati e compatti sono luminosi e resistenti.

Kazak, Karabagh e Shirvan.

 

Morandi raggruppa i tappeti caucasici antichi in tre grandi zone:

Tappeti dal Caucaso occidentale che per  comodità chiameremo semplicemente Kazak anche se sul sito di Moranditappeti  troverete per ogni singolo pezzo il nome del villaggio di provenienza o del disegno o della esatta area di manifattura.

Tappeti dal Caucaso meridionale ( i più conosciuti sono i Karabagh).

Tappeti dal Caucaso centro-orientale, anche se i più conosciuti sono i tappeti Shirvan, ogni tappeto è citato con il nome del villaggio o dell’ area di annodatura( es. area di Kuba) o gruppo etnico che ha annodato il tappeto.

 

 

Tappeti Kazak

kazak tappeto caucasico

I tappeti che chiamiamo Kazak provengono dalle regioni del Caucaso occidentale. Il termine Kazak non deriva dallo stato del Kazakistan bensì dalla popolazione cosacca. Questi esemplari hanno solitamente il vello alto e luminoso e geometrie essenziali e rigorose. I Kazak possono essere distinti in base al disegno (a stelle, a svastiche, a preghiera, a poligoni, ad alberi, a riquadri) o dal villaggio di provenienza (i più belli sono i Lori-Pampak, Sewan, Fachralo, Karaciof, Bordjalou, Shulaver, Lambalo e Shikli).

kazak tappeto caucasico

 

Tappeti Karabagh

Caucaso meridionale.

I tappeti Karabagh di Morandi Tappeti sono stati annodati tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo e hanno risentito molto più degli altri tappeti caucasici delle influenze occidentali. Tra le manifatture più conosciute e apprezzate citiamo  Karabagh, Ciondoresk, Celaberd, Kasim Ushag e Goradis. Gli impianti e i disegni sono generalmente a gul e a gul con animali, a preghiera, a boteh, ad herati, a disegni modulari, ad uccelli o di ispirazione occidentale.

 

Tappeti Shirvan

Caucaso centro-orientale:

tappeto shirvan caucasico

tappeto seikhur caucasico

tappeto lesghi caucasico

I tappeti caucasici antichi Shirvan provengono dalla zona del Caucaso centro orientale e sono particolarmente famosi per la finezza con cui è stata realizzata l’annodatura Ghiordes e il loro vello è stato rasato a pochi millimetri dal nodo. I tappeti Shirvan a differenza dei Kazak e dei Karabagh hanno iconografie strettamente legate al villaggio o alla città di annodatura.

Tra le manifatture più amate citiamo i tappeti Ghendjeh, Talish, Lenkoran, Mogan, Ciajli, Akstafa, Marasali, Bidjof, Surahani, Tachte, Kila, Baku, Kuba, Karagashli, Konakhend, Ci Ci, Prepedil, Seikhur, Zejwa, Daghestan, Derbend e Lesghi.